Benvenuto, Ospite Cerca | Discussioni attive | Accedi | Registrati

Conto Termico per sistema multisplit
solomata
#1 Inviato : giovedì 23 maggio 2019 10.13.13
Grado: Classe F

Iscritto: 12/07/2012
Messaggi: 35
Località: Abruzzo
Salve,
un cliente ha una unità abitativa in cui è presente sia una caldaia che un sistema multisplit (3 unità interne) a pompa di calore, ed ha intenzione di lasciare la caldaia e sostituire il solo sistema multisplit con uno avente i parametri minimi richiesti dal conto termico, e con tecnologia ad inverter

Ho questi dubbi:

1) Le regole applicative del CT 2.0 prevedono anche la sostituzione 'parziale' nel caso in cui in origine siano presenti più di un generatore di calore: la situazione sopra descritta rientra in questa casistica?

2) Come può essere soddisfatto in un multisplit il requisito "l’installazione su tutti i corpi scaldanti di elementi di regolazione di tipo modulante agente sulla portata,tipo valvole termostatiche a bassa inerzia termica"? Può ritenersi soddisfatto mediante l'adozione della tecnologia ad inverter?

3) Nella documentazione fotografica richiesta ci sono "le valvole termostatiche o del sistema di regolazione modulante della portata": cosa si allega nel caso di un sistema multisplit?

4) Se la nuova PDC ha potenza nominale superiore della precedente e/o una o più unità interne in più rispetto al sistema sostituito, l'incentivo viene riconosciuto?

5) In questo caso, vista la bassa entità dell'incentivo concesso dal GSE, sensibilmente inferiore al 65% dlla spesa totale, sembra molto più conveniente procedere con l'ecobonus: i prerequisiti tecnici mi sembrano molto simili, in quale dei due casi sono più stringenti?
solomata
#2 Inviato : lunedì 27 maggio 2019 10.01.04
Grado: Classe F

Iscritto: 12/07/2012
Messaggi: 35
Località: Abruzzo
solomata ha scritto:
Salve,
un cliente ha una unità abitativa in cui è presente sia una caldaia che un sistema multisplit (3 unità interne) a pompa di calore, ed ha intenzione di lasciare la caldaia e sostituire il solo sistema multisplit con uno avente i parametri minimi richiesti dal conto termico, e con tecnologia ad inverter

Ho questi dubbi:

1) Le regole applicative del CT 2.0 prevedono anche la sostituzione 'parziale' nel caso in cui in origine siano presenti più di un generatore di calore: la situazione sopra descritta rientra in questa casistica?

2) Come può essere soddisfatto in un multisplit il requisito "l’installazione su tutti i corpi scaldanti di elementi di regolazione di tipo modulante agente sulla portata,tipo valvole termostatiche a bassa inerzia termica"? Può ritenersi soddisfatto mediante l'adozione della tecnologia ad inverter?

3) Nella documentazione fotografica richiesta ci sono "le valvole termostatiche o del sistema di regolazione modulante della portata": cosa si allega nel caso di un sistema multisplit?

4) Se la nuova PDC ha potenza nominale superiore della precedente e/o una o più unità interne in più rispetto al sistema sostituito, l'incentivo viene riconosciuto?

5) In questo caso, vista la bassa entità dell'incentivo concesso dal GSE, sensibilmente inferiore al 65% dlla spesa totale, sembra molto più conveniente procedere con l'ecobonus: i prerequisiti tecnici mi sembrano molto simili, in quale dei due casi sono più stringenti?


Nella situazione sopra descritta. il Conto Termico 2.0 e/o l'ecobonus 65% sono applicabili se il sistema multisplit trial (una unità esterna e 3 unità interne) viene sostituito con tre monosplit a servizio degli stessi locali precedenti?
Utenti attivi che stanno consultando questa discussione
Guest
Salta a forum  
Non puoi creare nuove discussioni.
Non puoi rispondere nelle discussioni.
Non puoi cancellare i tuoi messaggi.
Non puoi modificare i tuoi messaggi.
Non puoi creare sondaggi.
Non puoi votare nei sondaggi.

Aermec S.p.A. - P. Iva: 00234050235
Engineered by: Multimedia Technology Department