Nuova versione 3.30 di MC11300 e APE Convenzionale

Il 4 novembre abbiamo pubblicato la nuova versione 3.30 del software.

Tra le altre modifiche abbiamo:

  • Modificato (secondo indicazioni del CTI) il calcolo dei numeri di giorni di attivazione dell’impianto nella stagione di riscaldamento. Prima venivano usati quelli del DPR412 adesso la stagione è la più corta tra quella calcolata e quella del DPR412.

Per gli utenti della versione PRO:

  • Aggiornato l’esportazione xml per la regione Umbria e la Valle D’Aosta
  • Gestione e stampa dell’APE convenzionale.

Riguardo a quest’ultima voce, qui le istruzioni per procedere nella redazione di un APE convenzionale ante e post intervento.

APE convenzionale

A fine settembre si è tenuta una riunione del CTI con le software house per decidere il formato dell'APE convenzionale vista la necessità di presentare questo documento nel caso di interventi sugli immobili con più unità immobiliari con lo scopo di richiedere il superbonus 110%.

L'APE convenzionale ha come principale finalità quella di dimostrare il miglioramento di due classi energetiche nell'ambito del superbonus.

- Nel caso di edifici di pluri-unità deve essere redatto per edificio.
- Per il calcolo dell'Ep,gl vengono sommati gli EP relativi ai soli servizi già presenti nella situazione "ante". Quindi l'APE convenzionale potrebbe avere un Epgl diverso dall'Ape tradizionale.
- Nell'APE convenzionale vanno inputate tutte le unità immobiliari presenti nell'edificio (per gestire la presenza di impianti comuni) ma nella determinazione dell'EP,gl vengono sommati solo gli Ep relativi alle UI che richiedono il superbonus. Infatti in un condominio con unità residenziali inferiori al 50% delle non residenziali solo le residenziali potranno richiedere il superbonus e quindi andranno sommate nel calcolo dell'EP,gl.

L'APE convenzionale va allegato all'asseverazione che il professionista deve inviare ad ENEA. La metodologia di calcolo è quella nazionale in vigore e il calcolo della classe avviene tramite le Linee guida nazionali attuali.

In questa settimana ci sarà una nuova riunione per concretizzare il formato dell'APE convenzionale e discutere della possibilità di esportare un "XML convenzionale".

MC11300 è già predisposto all'uso per effettuare APE ante e post intervento per cui con poche opzioni aggiuntive entro fine mese prevederà tutte le funzioni suddette per la stampa dell'APE convenzionale.

MC11300 versione 3.27

E' disponibile la versione 3.27 di MC11300.

Oltre ad essere stata aggiornata l'esportazione dell'XML per la regione Calabria e corretta l'esportazione della qualità dell'involucro della regione Toscana, è stata inserita una funzione di recupero del file di progetto nel caso in cui il software vada in errore o in uso eccessivo di memoria. Proviamo in questo modo a venire incontro agli utilizzatori a cui si verifica il malfunzionamento nei mesi di attesa per l'uscita del nuovo software.

Esportazione (stampa) componenti su file MS Word

Viene da tempo segnalato un problema relativo al file Word generato nell'esportazione dei componenti (versione PRO). La segnalazione non riguarda in particolare il salvataggio del file bensì la successiva lettura in Microsoft Word: mentre l'anteprima di MC mostra regolarmente tutte le pagine, la lettura in MS Word visualizza solamente le prime (di solito 3) impedendo di fatto l'elaborazione del file.

In discussioni all'interno del forum sono state di volta in volta proposte soluzioni più o meno semplici e più o meno funzionanti.

Il formato del file esportato (MS Word 2003) era stato in origine scelto perchè il più compatibile (la versione di MS Word più usata era la 2007 e la 2010/13 doveva ancora vedere la luce). In attesa di ulteriori sviluppi tentiamo con questo articolo di fornire una procedura standard per operare agevolmente sul file componenti. Prosegue...

MC10200

E' da oggi disponibile per il download il software MC10200 per la ripartizione delle spese di climatizzazione invernale, estiva e acqua calda sanitaria secondo quanto indicato dalla UNI 10200:2018.
Qui trovate tutte le caratteristiche.
Il software è utilizzabile dai possessori di una licenza PRO di MC11300.

Dalla versione 3.24 di MC11300 è possibile l'importazione in MC10200 dei dati di fabbricato, generatori e vettori energetici.
Oltre alla compatibilità con MC10200 le modifiche rilevanti della versione 3.24 sono:

  •  Inserimento del calcolo del recupero di calore dai reflui di scarico delle docce secondo UNI/TS 11300-2:2019 in vigore dall'8 maggio.
  •  Aggiornamento dei codici ISTAT dei comuni al 20 febbraio 2019.

 

Efficienza energetica degli edifici: nuova serie di FAQ

Per fornire ulteriori chiarimenti per l’applicazione delle disposizioni previste dal decreto ministeriale 26 giugno 2015 recante modalità di applicazione della metodologia di calcolo delle prestazioni energetiche e dell’utilizzo delle fonti rinnovabili negli edifici nonché dell’applicazione di prescrizioni e requisiti minimi in materia di prestazioni energetiche degli edifici, il MISE ha pubblicato la terza serie di FAQ.
Il documento pubblicato il 20 dicembre 2018 integra le FAQ già pubblicate sull’argomento nel mese di ottobre 2015 e nel mese di agosto 2016.
Il documento è stato predisposto con il supporto tecnico di ENEA e CTI.

Come sta andando...

Nel mese di luglio si è svolta presso il CTI (Comitato Termotecnico Italiano) una riunione del "Gruppo consultivo software house (GSH).

Tra gli argomenti trattati si è discusso:

  • di un possibile aggiornamento del file XML. Tale aggiornamento è stato richiesto dalle regioni per facilitare i controlli e rendere utilizzabili i dati degli APE anche per altri fini statistici. Queste modifiche dell'xml comporteranno un adeguamento dei software e dei portali regionali che utilizzano il formato esteso.
  • del recepimento delle nuove norme europee del pacchetto EPBD (Energy Performance of Buildings Directive) con la redazione di allegati nazionali e moduli integrativi con data di fine lavori il 30 novembre 2018 e pubblicazione non prima della metà/fine del 2019.
In questo quadro, noi di Masterclima, stiamo lavorando sul software per essere pronti ad un adeguamento prima al nuovo formato XML e poi alle tanto attese normative europee.
Nel frattempo, nei prossimi mesi, pubblicheremo un modulo per il calcolo della contabilizzazione del calore secondo UNI 10200:2018: Impianti termici centralizzati di climatizzazione invernale, estiva e produzione di acqua calda sanitaria - Criteri di ripartizione delle spese di climatizzazione invernale, estiva e produzione di acqua calda sanitaria.

Archivio mensile

Partners